Home Economia Confindustria: al collasso turismo e lavanderie industriali!

Confindustria: al collasso turismo e lavanderie industriali!

94
0

I numeri dell’Osservatorio di Assosistema Confindustria sull’attività delle lavanderie industriali operanti nel mercato alberghiero e della ristorazione nel mese di gennaio 2021 continuano a registrare un andamento fortemente negativo: rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, l’attività di noleggio e sanificazione della biancheria e dei tessili ha rilevato un – 90% per le strutture alberghiere e –88% per quelle della ristorazione. 

Entrando nello specifico delle grandi città d’arte dell’Osservatorio di Assosistema Confindustria, il servizio delle lavanderie industriali a gennaio ha portato ad una riduzione dell’attività per il settore alberghiero e della ristorazione, rispetto allo stesso periodo del 2020, peggiorativa rispetto all’andamento nazionale ovvero rispettivamente pari a: Milano – 92% e – 88%, Venezia – 90% e – 95%, Firenze entrambi – 95%, Roma – 90% e – 88%, Napoli – 98% e -90%. 

L\'articolo è offerto da

Oltre alle restrizioni degli ultimi DPCM, allo sviluppo delle varianti del Covid-19 e al blocco della stagione sciistica che hanno prontamente prodotto i loro effetti negativi – commenta il Presidente Paoletti – le aperture e chiusure a singhiozzo dei ristoranti hanno contribuito alla difficoltà di pianificare l’attività che ha avuto ovvie ripercussioni su tutti gli operatori della filiera, incluse le lavanderie industriali e i loro fornitori. A fronte di questa situazione negativa, i ristori hanno rappresentato solo il 5% di quanto il nostro settore aveva bisogno, ovvero 158 milioni di euro”. 

Preoccupa, poi, il dilagare dei prodotti monouso nei ristoranti.  

Tendenza ancor più preoccupante in questo periodo in cui la garanzia di sicurezza igienica dovrebbe essere al primo posto per tutti, operatori e consumatori, e la sostenibilità ambientale uno dei principali obiettivi della nostra società.

“Le lavanderie Industriali utilizzano da sempre processi virtuosi e certificati per la sanificazione del tovagliato delle strutture della ristorazione, per la maggiore tranquillità dei clienti e garantendo, al contempo, proprio tramite il riutilizzo, un basso impatto ambientale, in termini di riduzione dei rifiuti e relativo costo di smaltimento”, conclude Paoletti.

Vincenzo Rochira (Pmi Italia) a sua volta, puntualizza i gravi danni  economici che  vivono quanti fanno parte di  quell’indotto, soprattutto in Campania. Regione che, come accade per le città d’arte di tutto il Paese, vive di turismo. A partire da coloro che si occupano di trasporti di persone e beni, fino a coloro che  noleggiano in outsourcing tutto (dalla biancheria all’occorrente per il catering ed altro).

Aggiunge infine il Presidente Conf. PMI Italia, Tommaso Cerciello,  “Attendiamo misure straordinarie dal Presidente Draghi per risollevare l’economia legata al Turismo”. 

Giovanni Rochira

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui