Home News Il “Tuca Tuca” della politica italiana

Il “Tuca Tuca” della politica italiana

44
0
Ascolta comodamente l’audio dell’articolo.

Senza voler coinvolgere l’incolpevole Raffaella Carrà, ambasciatrice, negli anni Settanta, dello storico e intrigante ballo, mi pare che, ad onta del tempo, molto, passato dalla fulgida epopea del “Tuca-Tuca” la fotografia, soprattutto politica, del nostro Paese non si sia modificata un gran che, anzi!

 Potremmo dire, con scarsissimi margini di errore, che il dimenarsi allusivo del ballo in questione sia di fatto diventato un modello acquisito e consacrato dell’incedere quotidiano dei nostri politici.

L\'articolo è offerto da

Mi colpisce e mi illumina (non di immenso, purtroppo) quello “sfioramento che non ti prende”, fratello di sangue delle alleanze che non sono abbracci e degli accordi che non sono vincoli.

E che dire di quella “ritrosia dopo l’ammiccamento” che lascia perennemente tutti, ballo o non ballo, in quell’area un po’ ambigua e deresposabilizzante, sul piano delle scelte operative, che si identifica molto bene ancor oggi nello storico e mai realmente sopito  motto “Franza o Spagna, purché se magna!”

Con una conseguenza che si è, nel frattempo, radicata con forza e che non ammette eccezioni: cioè che a mangiare, seduta a tavola e servita, sia sempre stata proprio la nostra classe politica!

Ineluttabilità e rassegnazione o, se preferite, l’ordine inverso…

Roberto Timelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui