Home Economia Siamo tutti “senzatetto”!

Siamo tutti “senzatetto”!

74
0

“Fame e povertà” parlano anche ‘italiano’!

No, non è una delle solite frasi di solidarietà più o meno apprezzabili.  O, comunque, non è solo questo.

In realtà, che ci piaccia o no, sta diventando drammaticamente vero che “non abbiamo alcun tetto”, e non mi riferisco, naturalmente, a quello delle case che la maggior parte di noi, per fortuna, ha sopra la propria testa ma a quel “tetto”, a quella copertura, a quel riparo, a quelle certezze che provengono da un sistema politico-sociale che è, sì, quello che ci siamo scelto, e forse anche meritato, ma che fatica a svolgere efficacemente il suo compito primario: occuparsi del bene dei propri cittadini fornendo loro, nel limite del possibile e del condiviso, assistenza, solidarietà vera e sicurezza.

L\'articolo è offerto da

“Siamo tutti senzatetto” perché mentre abbiamo assistito con qualche perplessità, negli ultimi anni, all’assalto alla ‘diligenza Italia’ con lo scopo di arraffare soldi (e non pochi…)  per offrire cibo e umana assistenza a diverse migliaia di migranti, dobbiamo anche prendere atto con sgomento e vergogna delle tante morti per freddo e  inedia che hanno colpito, e stanno colpendo soprattutto ora, le poche migliaia (purtroppo in pericoloso aumento…) di poveri italiani che vivono per strada, ‘sotto i ponti’ o non hanno più la possibilità di sfamare se stessi e i propri figli. Sono italiani (e lo dico senza voler alludere a inaccettabili discriminazioni di razza e di cultura), come noi, che hanno, nella maggior parte dei casi, perso il lavoro, perso la casa, perso la famiglia e perso anche la dignità come persona, mortificata e irrisa nel momento stesso in cui vengono negati quei (ormai) pochi diritti di cui dovrebbero “godere” per il fatto stesso di essere cittadini italiani!

Se questa non è e non è stata una terribile e gravissima “dimenticanza” da parte di chi ci governa, è di certo una grande sconfitta di quella coscienza e solidarietà sociale che celebriamo più o meno solennemente ogni 7 gennaio festeggiando, forse un po’ ipocritamente, il “tricolore” e la sua nascita come bandiera italiana.

Che terribile schiaffo dover prendere atto che il “generale inverno” ha reso evidenti, in poche settimane, le nostre contraddizioni e le nostre fragilità inviando sulle nostre teste un suo modesto ‘plotoncino’ di nubi e di aria fredda accompagnato, ahimè, da un virus ‘nuovo di zecca’ che sta mettendo drammaticamente a nudo, nonostante gli eroismi di molti, la colpevole debolezza che caratterizza la guida del nostro Paese, debolezza che rischia ora di travolgere e di azzerare ogni nostra aspettativa.

Fatalità, obbietta qualcuno! Sì, in parte, ma anche un terribile evento imprevisto che è stato reso ancora più grave dalla strutturale debolezza amministrativa di uno Stato che da troppo tempo sta cercando di medicare ampie e profonde ferite utilizzando soltanto cerotti e brodini.

Ora, chi salverà il “bel Paese”?

Roberto Timelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui