Home News In verità vi dico che Renzi vuole…

In verità vi dico che Renzi vuole…

16
0

La grancassa della politica si interroga, con allarme e frenesia,  sull’iniziativa e sulle intenzioni di Renzi, oggi grande accusatore di un Governo (guarda un po’!)  che lui stesso ha creato poco più di un anno fa.

Ma solo i più distratti, o i finti ‘puristi’, possono ignorare lo standby del suo percorso personale iniziato con la fondazione di un  partito a sua immagine e somiglianza, cioè Italia Viva.

L\'articolo è offerto da

Che, poi, diciamocelo, così ‘viva’ non è, imbrigliata come si è trovata subito  in una sorta di ‘santa alleanza’ con formazioni politiche lontane anni luce dalla renziana visione del mondo.

Insomma, per vari ma comprensibili motivi, Italia Viva non ha sfondato, e vivacchia, secondo i sondaggi, in un limbo che non gli attribuisce più del 2,5/3% di voti nazionali.

Che fare dunque? Lasciare che il tempo e i tempi, davvero particolari e difficili, lo ingessino relegandolo in un angolino inascoltato del quadro politico nazionale o fare qualcosa?

“Fare qualcosa”, è la naturale risposta. Ma gli spazi sono molto stretti e l’attuale Presidente del Consiglio non lascia che le briciole ai suoi ‘sostenitori’!

Ecco allora far capolino la ‘genialità’ di un uomo politico che si potrà criticare quanto si vuole ma è senza dubbio uno dei pochissimi, se non l’unico, che abbia capacità, estro, fantasia e fiuto  per uscire dall’impasse in cui si trova senza rimedio.

Fatta, dunque, la semplice considerazione che continuare a vivacchiare da comprimario all’ombra di un Governo inefficiente che sembra non avere obbiettivi chiari, utili e raggiungibili, Renzi ha intravisto la grande opportunità di mollare la barca in difficoltà per affrancarsi e porsi nella storicamente più sicura (ai fini del gradimento popolare) posizione dell’oppositore, libero da indigeste coerenze di maggioranza  e in grado perfino (e non è fantapolitica) di strizzare l’occhio a chi non vedrebbe poi come una bestemmia l’avvicinarsi del suo centro-sinistra a quote non insignificanti del destra-centro!

“Ma così farà cadere il Governo,” ammoniscono i più!

Non è detto e non è certo il suo obbiettivo vero, come ha, del resto, ribadito in continuazione: “Non vogliamo la crisi per far cadere l’Esecutivo, semplicemente ci ritiriamo lasciando libere le nostre poltrone!”

Chiaro? Se il Governo, nonostante tutto non cadrà o se si aprirà lo spazio per un Governo di ‘Salute pubblica’ il suo scopo sarà raggiunto, liberandolo da vincoli non condivisi e consentendogli di fare politica dall’opposizione, l’unica che possa garantirgli una certa quota di crescita elettorale.

Tutto questo, vi sembra poi così sciocco e campato per aria?

Roberto Timelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui