Home News Rughe tempestose

Rughe tempestose

33
0

Luis Sepulveda ci ha lasciato

Luis Sepulveda è morto il 16 aprile nell’ospedale di Oviedo dove si trovava ricoverato in seguito al contagio da Coronavirus.

Nato in Cile il 4 ottobre 1949, Sepulveda si è formato vivendo fin da piccolo i fremiti e gli ideali del credo anarchico e leggendo con passione i capolavori di Cervantes, Salgari, Conrad, Melville.

L\'articolo è offerto da

Luis Sepulveda, come amava ricordare lui stesso, si sentiva innanzitutto e soprattutto cittadino, poi uno scrittore. Era una penna al servizio della morale e dei diritti civili; non per caso, durante la dittatura di Pinochet, fu arrestato due volte e condannato all’esilio.

Lottò comunque sempre contro il neoliberismo e in favore dell’ambiente fino a quel fatidico 16 aprile, il giorno in cui il mondo della letteratura ha perso un gigante.

Tra i suoi libri più famosi ricordiamo Il vecchio che leggeva romanzi d’amore, che lo avrebbe portato alla ribalta nel mondo della letteratura, ma soprattutto Storia di una gabbianella e di un gatto che le insegnò a volare, diventato un cartone animato che ha segnato una generazione. L’ultimo libro pubblicato prima del decesso è Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa. In mezzo, tanti anni di battaglie politiche e di capolavori letterari.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui