Home Economia Confindustria: lavanderie industriali al collasso col limite di fatturato!

Confindustria: lavanderie industriali al collasso col limite di fatturato!

33
0
L\'articolo è offerto da

Assosistema Confindustria esprime forte preoccupazione per la prima bozza del DL Sostegno, dalla quale si evincono segnali allarmanti per interi settori, soprattutto quello delle lavanderie industriali. In particolare, l’allarme dell’Associazione è in merito al contributo a fondo perduto previsto solo per le aziende fino a 5 milioni di fatturato che di fatto escluderebbe un’intera platea di imprese che hanno comunque sofferto e stanno soffrendo ancora oggi la crisi in egual misura. Il Presidente di Assosistema Confindustria, Egidio Paoletti, dichiara: “Se, come sembra, i codici Ateco oggetto dei precedenti Decreti ristori, devono essere sostituiti con drastiche limitazioni di fatturato per poter accedere ai sostegni, non possiamo che esprimere la nostra contrarietà a questo percorso”. “Riteniamo necessario, infatti – continua Paoletti – che si ragioni più sul limite economico massimo di sostegno piuttosto che sul range di fatturato a cui si applica la misura, principio che si rivelerebbe miope nei confronti di molti settori industriali. In Francia e Germania, ad esempio, non è presente alcun limite di fatturato per i ristori che sono stati dati nel 2020 e per quanto riguarda quelli di nuova definizione per il 2021, si tratta di modelli semplici che, a differenza del nostro sistema, vanno effettivamente a ristorare i mancati ricavi dovuti al Covid”. Nel dettaglio, specifica Assosistema Confindustria, il modello tedesco rimborsa i costi fissi aziendali in maniera proporzionale all’ammontare del fatturato perso, mentre il modello francese rimborsa mensilmente la perdita netta di fatturato. 

Personalizza la tua cover
Crea la tua cover con yourcover.it

A questo proposito, Assosistema Confindustria ha presentato al Ministro delle Finanze e al Mise una nota con relativa proposta di confronto sul modello tedesco e francese dei sostegni alle imprese e su altri temi che coinvolgono il settore delle lavanderie industriali. 

L\'articolo è offerto da

“Quello che auspichiamo, in attesa di capire a che punto è il DL Sostegno – conclude Paoletti – è un cambio di rotta nei confronti del sistema dei ristori perché, al momento, il ristoro ottenuto nel 2020, era riferito ad 1 solo mese e non all’intero anno che, come sappiamo, ha registrato per le lavanderie industriali un bilancio a consuntivo drammatico. Come più volte ribadito, infatti, il DL Ristori Bis ha “ristorato” solo il 5% di quello che era necessario per il settore. Se ora nel DL Sostegno mettiamo anche il limite dei 5 milioni di fatturato, rischiamo di tagliare fuori interi complessi industriali che danno lavoro a migliaia di dipendenti con il solo limite di avere un fatturato superiore alla soglia scelta dal governo”.

Anche Conf PMI Italia si associa, e in tal senso Vincenzo Rochira (Global Service Hotel) evidenzia come sia discriminante provvedere al ristoro solo per coloro che raggiungono quella percentuale di calo fatturato (individuata pari al 33%); sarebbe equo provvedere fino almeno al 20%. Inoltre non possono essere esclusi coloro che lavorano nell’indotto del turismo (balneari – catering – agenzie – trasporti – ecc).

Giovanni Rochira 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui