Home News La salvezza (?)

La salvezza (?)

102
1

E quindi è iniziata. Ha preso il via la campagna vaccinazioni che ci traghetterà oltre queste acque infestate di morte e paura in cui siamo naufragati. Già, ma non è una nave grande, anzi direi che sono piccole scialuppe di salvataggio su cui dovremo accalcarci un po’ tutti, aspettando il nostro turno. Allora, ecco che il grido “prima le donne e i bambini” diventa “prima gli operatori sanitari, poi anziani e maestre, e poi boh…vedremo”.


Non mi dispiace dover dare precedenza a chi è più esposto, lo reputo un dovere morale, prima che civile. Sono indulgente anche con chi sta cercando di organizzare le file davanti alle scialuppe e prepara gli imbarchi, ma sono inferocito per il lassismo con cui si stanno aspettando i naufraghi a riva! Vi ricorda qualcosa? Già solo che adesso non ci sono tunisini, o algerini. Siamo noi. Ma anche per noi, come per i migranti, non c’è un piano dopo lo sbarco. Come se farci morire sulla terra ferma sia meglio che morire in mare.

L\'articolo è offerto da

Cosa succederà dopo?


Manca un progetto unitario, esattamente come succedeva a Lampedusa, una volta salvati, nessuno sa cosa fare di noi. Non possono pensare di tenerci rinchiusi nelle nostre case, ancora, una volta sbarcati, fino a quando non saranno arrivati tutti. Passato il pericolo avremo voglia di vivere, di nuovo, e più di prima. Sento parlare solo ora, dopo molte settimane dalla notizia delle imminenti vaccinazioni, del passaporto sanitario.

Ma com’è possibile? Doveva essere chiaro da subito, e a tutti, che non avremmo avuto modo di vaccinare il mondo in una settimana, nemmeno in un mese, e neanche in un anno (in Italia). E cosa è stato fatto invece di preparare l’opinione pubblica a questa ineluttabile evidenza? Nulla. Hanno già iniziato vaccinare senza aver fatto alcun progetto (almeno europeo, ma avrebbe dovuto essere mondiale) su un registro pubblico condiviso inalterabile, a cui chiunque (anonimamente) potesse accedere per autorizzare, magari, l’ingresso in un ristorante, o in un aeroporto o in una discoteca, in piena sicurezza. Sì, perché vorremo anche tornare a divertirci, non solo a produrre PIL. Non è FANTASCIENZA, è tecnologia esistente che può essere implementata in un App su cellulare. Ma no, troppo COMPLICATO, invece per mettere in piedi un cash-back coi nostri soldi, per quello ci sono stati fior fiore di investimenti e pubblicità a reti unificate. E nessun problema di privacy.
Questo mi irrita. Non di dover aspettare il mio posto nella scialuppa.


Poi se qualcuno pensa che questo sia un ricatto: “se non ti vaccini non lavori e non ti diverti”: è vero. Lo è.
E allora? La società vive di ricatti (vengono mascherati come “leggi”) La stessa cintura di sicurezza imposta in auto è un ricatto, non è “per il tuo bene”, ma per abbassare l’indice (ed il costo) di ospedalizzazione causata da incidenti stradali. Ma se vuoi salire in macchina te la devi mettere. Punto. Quindi smettiamola di fare i paladini di una libertà che abbiamo demandato alla politica in Costituzione, ma piuttosto preoccupiamoci di scegliere meglio la politica. Siccome so già che qualcuno obbietterà che questo governo non l’abbiamo eletto, mi permetto di sottolineare che NESSUNA forza politica ha dimostrato (nemmeno a parole, figuriamoci nei fatti) di avere capacità di programmazione o lungimiranza. Questo è determinato dal fatto che gli elettori non hanno alcun interesse a sforzarsi di capire ciò che potrebbero avere (ma che non conoscono) ma hanno invece moltissima paura di perdere ciò che hanno già (perché è tutto quello che conoscono).


Rimane sacrosanto il diritto di protestare e avere opinioni diverse, purché siano opinioni, appunto, suffragate da ragionamenti, non da presunte verità. E siamo alla solita conclusione: la conoscenza fa la differenza, ma la capacità d’inquinamento ambientale ad opera dell’uomo sembra essere lo stesso anche nell’informazione. Anche qui, ciò che la filosofia descrive come “eterogenesi del fine” ha determinato una pericolosa inversione: il giornalismo non è più il mezzo attraverso cui capire la realtà del mondo, ma il fine attraverso il quale si deciderà se, e in quale misura spiegare il mondo, perché diventi così: il mondo “vero”.
Truccare la verità, anche se non ha le stesse conseguenze di un innocuo filtro su Instagram, è il risultato del medesimo bisogno di sentirci diversi, ma non per questo migliori. 

1 commento

  1. […] A distanza di un anno si sta “ipotizzando” il passaporto vaccinale? Ridicoli. Doveva essere la prima cosa a cui pensare. Invece di pagare qualcuno che prende la temperatura con i termometri da 4 euro comprati su Amazon, basta un’App con un lettore di QR code (generato a doppio fattore, con tecnologie disponibili e sicure) che identifica se sei immunizzato o vaccinato leggendo i dati da una banca dati unificata. Invece abbiamo le ULSS che non riescono nemmeno ad intrecciare i dati sanitari tra loro! Ridicoli! Lo avevo già scritto in un articolo il 30 dicembre scorso (LA SALVEZZA). […]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui