Home Donne&Uomini Dieguito, il Napoletano!

Dieguito, il Napoletano!

140
0

Io sono milanista, ho qualche primavera sulle spalle, e ricordo che ti guaradavo giocare con timore, cioè  come il giocatore in grado di far(ci) davvero ‘male’ in campo, ma non ti ho mai considerato come un nemico…

Io sono milanista e ti guardavo come il trascinatore inarrestabile della tua squadra…

L\'articolo è offerto da

Io sono milanista  e consideravo il tuo essere professionista  non privo di pecche, ma ti ammiravo per quel tuo essere un po’ giocoliere e un po’ prestigiatore che faceva impazzire tutti e quindi anche me, non napoletano…

Io sono milanista  e guardavo te come un giocatore, dicevano, argentino, che io tuttavia, nel mio istinto, ho sempre sentito come napoletano…

Ecco, Dieguito, era una eccellenza, la tua,  fatta di genio creativo e sregolatezza, ma non una sregolatezza casuale o becera, bensì quella di chi sa essere anche “umilmente” geniale, interprete cioè non solo di se stesso…

Lo ammetto Dieguito, ora, e solo ora, dopo il tuo accedere ad  alti e più eterei campi, capisco come tu abbia compiuto il primo e anche il più geniale gesto come uomo, prima che  calciatore, decidendo di approdare a Napoli,  la tua città d’istinto e di elezione, che è anche,  e permettetemi  questa considerazione personale, la città che può diventare  il fulcro di una rinascita, creativa e rinnovata,  dell’intero Paese, un Paese che, a sua volta,  può ripartire, pregiudizi a parte, proprio da quella città, fortemente simbolica, che è la tua città,  Napoli.

Ciao Dieguito, Napoletano d’Italia!

Roberto Timelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui